_______ Eventi-Attività _______

 

_____ L'Eco dalle Terre _____

________ Calendario ________

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 

________ Link Utili ________

RIPASSIAMO L'ABC

RIPASSIAMO L'ABCSi rende necessario un ripasso generale sull'articolo 38 del P.T.R.C. VENETO e i suoi ambiti di applicazione, accantonando per un momento le aree afferenti al SFMR, perchè pare che la confusione si sia creata nel merito della tipologia delle strada interessata o meno allo stesso.

La misura del 38 agisce su strade di tipologia: A, B o C?

Vediamo cosa dice l'articolo 38 :" Le aree afferenti ai caselli autostradali, agli accessi alla rete primaria ed al SFMR per un raggio di 2 Km dalla barriera stradale sono da ritenersi aree strategiche di rilevante interesse pubblico ai fini della mobilità regionale. Dette aree sono da pianificare sulla base di appositi progetti strategici regionali".


Ai sensi del DM 05/11/2001 le strade vengono suddivise in diverse categorie (vedere pag. 21 DM 05/11/2001):

RIPASSIAMO L'ABC

L'articolo 38 con la definizione "caselli aurostradali" agisce sulla categoria A, mentre con la definizione "accessi alle rete primaria" (meglio noti come Svincoli) agisce sulla categoria B. A chiarire la definizione di Rete Primaria ci pensa anche il Codice della Strada (qui il link alla definizione) che definisce le strade:

RIPASSIAMO L'ABC

Come vediamo nella Rete Primaria ricadono le strade di categoria A e B.

Giusto per fare un esempio pratico, prendiamo il comune di Romano d'Ezzelino e andiamo a capire se la Nuova Valsugana in progettazione ricadrà o meno nell'ambito d'azione del 38.

Leggendo l'approvazione del VIA Regionale (Bur. 14 del 13 febbraio 2013 -Allegato A pag. 6-7) il tracciato ottimizzato dice:

L’intervento si può sostanzialmente suddividere, in funzione delle caratteristiche della piattaforma stradale
prevista, nelle seguenti parti geografiche:

  • Da Castelfranco Veneto a Castello di Godego, ovvero da progr. Km 0+000 a progr. Km 4+243.8 circa per la quale è prevista una piattaforma di categoria C1 costituita da un’unica carreggiata bidirezionale avente una corsia per senso di marcia.
  • Da Castello di Godego al casello di Mussolente-Loria lungo la viabilità prevista di adduzione alla SPV e compresa nella realizzazione di quest’ultima, come opera complementare (bretella di Loria) di adeguamento della rete ordinaria esistente. Anche questa bretella è prevista con una carreggiata di categoria C1 per circa 6+945km.
  • Dal Casello di Mussolente-Loria al Casello di Bassano Est lungo la futura SPV in corso di realizzazione al momento in cui viene redatto il presente SIA. La piattaforma stradale di questo tratto è costituita da due carreggiate separate, ciascuna con due corsie di marcia. Lo svincolo di Bassano Est prevede il collegamento con la SS47-Tangenziale Est di Bassano del Grappa. Lo sviluppo i questo tratto è di circa 4+607.2km.
  • Da Bassano del Grappa a Romano d’Ezzelino, ovvero dalla progr. Km 12+750 ala progr. Km 17+743, nell’ambito del quale il tracciato si sovrappone all’attuale SS 47. Anche in questo caso si possono prevedere due sotto tratti:
  1. Dall’innesto sulla SS 47 – Tangenziale Est di Bassano del Grappa allo svincolo di Bassano Centro nell’ambito del quale è prevista un adeguamento della piattaforma esistente portandola da 2 carreggiate separate con due corsie per senso di marcia a due carreggiate con
  2. 3 corsie per senso di marcia appartenente alla categoria B – strada extraurbana principale a 3 corsie per senso di marcia;
  3. Dallo svincolo di Bassano Centro allo svincolo di Romano d’Ezzelino dove l’attuale doppia piattaforma a due corsie per senso di marcia viene adeguata ad una di categoria B sempre mantenendo due corsie per senso di marcia.
  4. Da Romano d’Ezzelino a San Marino, in Comune di San Nazario, ovvero dalla progr. Km 17+743 alla progr. Km 34+310, nell’ambito del quale il tracciato si stacca dalla SS 47 e si sviluppa in nuova sede con una piattaforma stradale di tipo B a due carreggiate separate, ciascuna costituita da due corsie di marcia.
  5. Da San Marino, in Comune di San Nazario al confine Regionale presso Primolano in Comune di Cismon del Grappa, ovvero dalla progr. Km 34+310 alla progr. Km 44+479, nell’ambito del quale è prevista la sola messa in sicurezza delle corsie di accelerazione in corrispondenza degli svincoli intermedi esistenti di Cismon del Grappa, Arsiè e Primolano.

Quindi tranne che per la tratta a sud della SPV - Pedemontana Veneta (strada di tipo B) che prevede alcune stradi di tipo  C1, la Nuova Valsugana verrà realizzata prevalentemente con la tipologia B a 2 o 3 corsie per senso di marcia.

Questo comporta che dall'innesto a ovest in SPV sino al confine Regionale la strada, essendo di tipologia B, ricade interamente nell'applicazione dell'articolo 38, quindi il comune di ROMANO D'EZZELINO che ci fà d'esempio dovrà fare i conti con questi cerchi!

RIPASSIAMO L'ABC
Speriamo di essere stati esaustivi ed aver risposto ai dubbi sollevati in merito all'applicazione dell'articolo 38  (da sottolineare che ci siamo solo occupati di strada, occorre aggiungere poi le aree a ridosso delle stazioni ferroviare, per 2 Km, temporaneamente accantonate per fare chiarezza sulle strade; ulteriori aree strategiche che vanno quindi a sommarsi alle altre, questa realtà interessa in particolare la Vallata), se si desiderano maggiori informazioni non esitate a contattarci.

CONOSCERE LA MISURA DEL 38 E' UN DOVERE DA PARTE DEI CITTADINI, DELLE CATEGORIE E DEGLI AMMINISTRATORI LOCALI, COME PURE CONOSCERE LA SUA APPLICAZIONE PERCHE' LA SUA APPLICAZIONE E' UN VERO E PROPRIO VINCOLO DI ESPROPRIO CHE PESA SULLE NOSTRE TERRE!